filottrano 966

FILOTTRANO

... e oltre ...

home pagechi basecomeperchécontattiarchivioblog


aggiornamento del 08-May-2016 17:54

box collegamenti

box collegamenti

blog Circolo PD Filottrano
il meteo da il meteo.it
il meteo da aeron. militare
orari astronomici
mappa di Filottrano
indici di borsa
 
La Repubblica
La Stampa
Il Corriere della Sera
Il Fatto Quotidiano
Corriere Adriatico

box comunicazioni

questo sito è ottimizzato per GOOGLE CHROME

logo filottranoeoltre

box collegamenti

box marforio

marforio_light

FILOTTRANO
e il suo stato di salute
di Gianfranco Giretti

Filottrano, 9 maggio 2016
cartolinaSi avvicina a scadenza il secondo anno della giunta Giulioni; buona occasione per tirare un po' di somme e fare il punto su come questa amministrazione sta gestendo il mandato avuto dai propri concittadini. Ancora prima, tuttavia, può essere utile, oltre che che propedeutica, una breve riflessione sullo stato generale di salute del paese, stato che, da parecchi sintomi, non appare particolarmente brillante. Riflessione stimolata dalla constatazione, amara quanto evidente, che il centro storico di Filottrano si sta vuotando e, di fatto, sta morendo. Constatazione che si è costretti a fare tutti i giorni quando, uscendo di casa per incontrare gente, si gira invece in un paese desolatamente vuoto. Ovviamente non è (solo) l'attuale gestione la causa di questa lenta agonia; è cosa di tutti i paesi e di molte città. Ben altre sono le ragioni per cui anche questa amministrazione, come quasi tutte quelle che l’hanno preceduta, ha deciso di iscriversi al Pantheon degli orrori filottranesi. Tuttavia, per evitare la desertificazione del centro cittadino, qualcosa di più si potrebbe e dovrebbe fare. Anche per rispetto del programma elettorale e delle dichiarazioni di inizio mandato in cui si sono ascoltati proclami sulle nobili intenzioni di rinverdire i fasti del centro storico e di farne rifiorire le attività economiche. Il sindaco in particolare riferendosi anche a suoi trascorsi familiari, ha speso parole molto precise nel riguardo dei commercianti. Ma la portata del problema è ben diversa dalle sparate elettorali e non è con qualche festa in più o in meno che lo si risolve. Occorre invece prendere atto e ragionare su come sta cambiando lo stile di vita delle persone e del fatto che il commercio, nei centri cittadini tipo il nostro, è solo quello che, tecnicamente, viene definito di prossimità. Con cui torniamo al vero problema: lo spopolamento. Fortunatamente, o meglio, per bravura di alcuni, a Filottrano non manca il lavoro e, se il centro perde abitanti, probabilmente è in favore di frazioni e campagne che offrono sistemazioni migliori. Così sono sempre di più quelli che, costretti dalla distanza a salire in auto, preferiscono arrivare ai vari centri commerciali che, senza dubbio, offrono più comodità, essendo stati pensati per accoglierli meglio di un paese che ha tutti i problemi e i limiti delle proprie origini medievali. Ma ciò costituisce anche una ragione, e importante, per cui sono sempre meno coloro che fanno acquisti negli esercizi locali che, dunque, deperiscono e chiudono.E allora? Si sta facendo o pensando qualcosa di utile per invogliare le persone ad abitare in centro? Rendendolo altrettanto comodo che altrove? Dai parcheggi ai rumori, dalle ristrutturazioni agevolate a un piano urbanistico che regoli il nuovo, molti sono i temi su cui si potrebbe e dovrebbe lavorare. Se ne riparlerà. Molti sono anche i criteri sulla base dei quali è possibile ragionare. Sono partito e per il momento mi limito a quello che ritengo il più importante: il piacere di vivere il proprio paese, frequentandolo, passeggiandovi, incontrando persone, chiacchierando e, come si usa dire, socializzando.
Ma è ancora un piacere vivere a Filottrano?

p.s. hai ascoltato un frammento di "Che sarà" di Jimmy Fontana, Franco Migliacci e Carlo Pes cantata da Josè Feliciano

non ci sono commenti

   



FILOTTRANO ... E OLTRE ... indirizzo: C. Battisti, 40 - 60024 - FILOTTRANO (AN)
  tel: 329 1363285
  e-mail: g_giretti@alice.it